RECENSIONI

RECENSIONE SIMON BIENNALE VENEZIA 2013

RECENSIONE SIMON

18 maggio 2013 – 22 settembre 2013

Simon Starling,
An installation for two publishers,
Three Star Books and Westreich Wagner Publications

 

Dando un seguito all’installazione curata da Rirkrit Tiravanija due anni fa, Simon Starling realizzerà nelle vetrine della Galleria di Piazza San Marco della Fondazione Bevilacqua La Masa, un’installazione site-specific per due importanti editori di libri d’artista, Three Star Books e Westreich Wagner Publications.
Starling disporrà quattro libri degli editori nello spazio delle vetrine della Galleria, trattando i volumi in modo non dissimile dai prodotti di lusso presenti in quell’angolo del sestiere San Marco.
Un libro verrà esposto al centro di ogni vetrina, parzialmente oscurata per l’occasione, in una scatola foderata di velluto nero. Il vetro sarà ornato con simboli in foglia d’oro, comuni segni di interpunzione in testo e stampa, qui usati con nonchalance, quasi a mettere in discussione l’effettiva materialità dei volumi.
L’oggetto tra virgolette, o indicato, è infatti un’opera d’arte sapientemente manufatta e concepita, quasi più scultura che libro. Ed è proprio a questo gioco tra media, comunicazione, rappresentazione e oggettualità che punta Starling, allo stesso tempo strizzando l’occhio alle insegne della tradizione italiana.

Three Star Books e Westreich Wagner Publications desiderano ringraziare la Fondazione Bevilacqua La Masa per avere ospitato l’installazione del progetto.

I libri esposti saranno:
John Armleder, “Black Cat” 2012, Three Star Books
James Beckett, “works of James Beckett with constant interjections by Frank Key” 2013, Westreich Wagner Publications
Mike Kelley, “Reconstructed History” 1990, Westreich Wagner Publications / Galerie Gisela Capitain
Simon Starling , “27 Homemade Henningsen Lamps (+ 1 average Lamp)” 2011, Three Star Books

Simon Starling – F as in Foglia – Opening

FasinFoglia201127 maggio – 22 ottobre 2011

La Galleria Franco Noero ha il piacere di presentare la quarta mostra personale di Simon Starling a Torino.

F as in Foglia è il nuovo progetto che testimonia ancora una volta l’interesse dell’artista inglese per la rilettura delle tecniche di manifattura e di design che sono parte della storia di Torino, sviluppatosi nel corso della decennale collaborazione con la Galleria Franco Noero. Allo stesso tempo Starling continua la costante elaborazione dei metodi utilizzati nella produzione delle sue stesse opere, dall’antica arte della costruzione delle barche e delle maschere, al mondo high-tech della lavorazione dell’acciaio e della fresatura computerizzata.
A questo progetto – concepito come installazione di lungo termine per lo spazio di Piazza Santa Giulia 5 – ha collaborato Laura Panfani, la quale prosegue la consolidata tradizione artigianale della realizzazione di insegne per attività commerciali, appresa dal suo maestro dell’azienda Insegne Cucco, che durante il ‘900 ha contribuito notevolmente a determinare quell’atmosfera ancora caratteristica di molti negozi di Torino.

Le sei ’insegne’ in vetro presentate da Starling, utilizzando una tecnica ibrida, ripercorrono la traccia del processo tipico di questa particolare lavorazione. Sei immagini compongono il lavoro finale, traducendo la documentazione fotografica scattata durante le fasi di realizzazione di un’insegna di vetro; sul fondo nero compare evocativamente la parola italiana ‘foglia’. Ciò fa riferimento alla foglia d’oro applicata sul vetro con una tecnica nota come ‘finta incavatura’, che serve a far apparire sulla superficie in vista eleganti lettere all’apparenza tridimensionali. Le immagini fotografiche di dettaglio scattate da Starling risultano quasi astratte e sono state ‘reintrodotte’ nel processo produttivo delle ‘insegne’ grazie all’uso della stampa serigrafica, sulla quale in questo caso si sovrappongono gli interventi manuali di Laura Panfani con strati di foglia d’oro e colore.

Simon Starling
F as in Foglia

Le mostre della Douja d’or 2010

ANTICHE INSEGNE 2010 LOCANDINAMostra ‘DELLE ANTICHE INSEGNE”, a cura di Laura Panfani e Germano Tagliasacchi
Il fascino ‘delle antiche insegne” torna sui muri di Palazzo Ottolenghi a quattro anni di distanza dalla Mostra tenutasi nel 2006, a far da scenografica cornice alla Douja della Barbera. Insegne collezionate, recuperate e custodite con amorevole cura per essere riconsegnate di nuovo al pubblico. Ognuna di esse racconta l’evolversi della storia del commercio di pari passo con quella delle botteghe e delle strutture architettoniche che le ospitavano. Dall’insegna in legno con il gallo, scelta a simbolo della mostra, con i suoi tratti naif, a quelle in vetro preziosamente decorate con oro e stagnole, passando attraverso la grande produzione delle varie tipologie in metallo, la mostra vuole condurre il visitatore in un percorso storico dove l’insegna, contestualizzata da una selezione di foto d’epoca, è la parte superstite di tante attività e botteghe commerciali di cui non è rimasta altra testimonianza. Il fine di questa mostra è, al di la del valore documentario dei pezzi esposti, quello di sensibilizzare sulla necessità di non disperdere un patrimonio artistico e artigianale sostenendo chi, ancora, promuove le antiche tecniche di lavorazione che permettono di recuperare e all’occorrenza ‘reinterpretare” filologicamente, i piccoli capolavori delle nostre ‘botteghe storiche”.
L.P.
Tratto da www.italiaatavola.net

GUIDA AI MESTIERI ARTIGIANI IN ARCHITETTURA 2009

Laura Panfani ha fatto divenire compiutamente un mestiere la passione profonda per l’arte della conservazione delle vecchie insegne commerciali e le antiche tecniche di lavorazione. Impegnata dall’anno 2002 nella sua ditta individuale, Iride, si occupa infatti di insegne artistiche realizzate con tecniche tradizionali.
Nella progettazione e realizzazione di insegne artistiche decorate a mano – secondo le tecniche di fine Ottocento ed inizio del Novecento – con smalti, foglia d’oro zecchino, argento, bronzine o stagnole, lo stile può variare dal classico al moderno ma la peculiarità della realizzazione e della decorazione interamente a mano resta invariata. Molto richiesta dalla committenza, in prevalenza privata, è la produzione di insegne decorate su ferro mentre minore ma comunque significativa è la richiesta di insegne prodotte su vetro con iscrizioni in oro zecchino sia a lettere piatte sia con effetto di “finta incavatura”. La tecnica di pittura “al contrario” su vetro con inclusioni di foglia d’oro e metalli viene inoltre impiegata per produrre creazioni personalizzate come piani di tavoli o pannelli decorativi in vetro.
Nell’ambito del restauro, conservativo o integrativo, quando le insegne d’epoca risultano non recuperabili viene realizzato anche il rifacimento filologico.
Cavalletti in legno, poggiamano, pennelli, set da doratura, supporti ed aghi da spolvero sono gli strumenti che, dopo la preparazione e la sgrassatura dei supporti, la stesura dei primer e dei fondi, il trasferimento del disegno a spolvero, permettono la decorazione con smalti, con foglia d’oro, bronzine, stagnole. Viene fornita inoltre con l’ausilio del computer, la realizzazione di bozze e fotomontaggio per la presentazione al cliente e la descrizione tecnica per gli uffici comunali.
L’alta professionalità di Laura Panfani trova conferma nell’attiva partecipazione ad innumerevoli mostre nazionali – tra cui si ricorda Emporio Mediterraneo e Restructura – , nella curatela della mostra Delle Antiche Insegne realizzata ad Asti quale evento collaterale alla 40° Douja D’Or e nella premiazione ai concorsi sull’Artigianato Artistico.
A completare un curriculum d’eccellenza si aggiunge inoltre Il riconoscimento di Eccellenza Artigiana nel settore Altre Attività ottenuto nell’anno 2007.

http://www.progettogmaa.it/

Restructura XXI Edizione

015527-30 Novembre 2008

Restructura XXI Edizione
Anche quest’anno Restructura  ha premiato i miglior artigiani nella 7° edizione del concorso “Eccellenza Artigiana e Artigianato Artistico”  promosso dal C.N.A Piemonte.
Tutti e tre i primi premi hanno interessato Docenti ed ex-Allievi della Scuola.
Il primo premio è stato assegnato al Gruppo Teknè  che comprende, tra gli altri, Chiara Ferraris (Art & Glass Fusing) docente della Scuola, che collabora con alcuni allievi dell’ultimo corso di Vetrate Artistiche, e Iride di Laura Panfani, ex allieva.
Il secondo ha premiato Maurizio Genovese (Ocrarossa Snc.) ex allievo e ora docente.
Mentre il terzo consegnato ad una associazione nata da poco, Mosaicando,  ma già bene inserita tra gli artigiani del settore, composta da Ida Amato docente e titolare del laboratorio di Mosaici Artistici  della Scuola, Gabriella Barletta anche essa docente presso la Scuola e dagli ex allievi Silvia Gallino, Gianluca Pernigotti, Laura Leporati, Roberta Zizzi.

RESTRUCTURA 2007

2007 Restructura Extra, tutti gli artigiani premiati

L’elenco completo dei vincitori dei concorsi di abilità promossi da CNA durante il salone

Un volume racconta la partecipazione dei Soci a partire dal 1988; una copia è omaggio

Nuovo successo di pubblico per Restructura Extra, il salone dedicato al mondo dell’edilizia e delle ristrutturazioni che si è svolto al Lingotto Fiere di Torino dal 29 novembre al 2 dicembre scorsi. L’edizione 2007 ha infatti confermato le attese degli organizzatori, mostrando risultati in linea con il 2006. Giunta al traguardo della ventesima edizione, Restructura Extra – organizzata da Gl Events-Promotor International – si è presentata in una veste aggiornata, diventando appunto Extra per la nuova attenzione ai temi più attuali segnalati dal mercato: architettura sostenibile ed efficienza energetica. Le 421 aziende partecipanti a Restructura Extra, da tutte le regioni italiane, hanno occupato una superficie di quasi 39 mila metri quadri. Molto buono il riscontro dei convegni, 43 in tutto, tra cui molti promossi da CNA. Durante la manifestazione si sono svolti i consueti concorsi di abilità degli artigiani del settore artistico, decorazione e restauro in edilizia le cui premiazioni si sono tenute domenica 2 dicembre in presenza tra gli altri di Giovanni Caracciolo assessore regionale alle Fiere, Alessandro Barberis Presidente Camera di commercio di Torino, Massimo Deandreis Direttore Unioncamere Piemonte, Giuseppe Benedetto Direttore generale Attività produttive Regione Piemonte e Riccardo Bedrone Presidente Ordine Architetti. I premiati dei concorsi di abilità: a) X edizione “Idee nuove per effetti decorativi d’interni” (foto 1): 1° Antonio De Santis; 2° Andrea e Chiaretta Zanchi; 3° Gianluca Cresciani, Monica Mendes e Mercia Alves; b) IX edizione “Qualità e restauro: esperienze sul campo” (foto 2): 1° Eliana Milani e Antonio Colombatto; 2° Simona Vottero e Valentina Mauro; 3° Gianluca Gattino, Cristina Stoppa e Mara Maggiora; c) V edizione “Eccellenza artigiana e Artigianato artistico” (foto 3): 1° Laura Panfani; 2° Maria Assunta Alterio e Pier Luigi Scalenghe; 3° Giorgio Dulhan. Per il 20ennale di Restructura CNA Torino ha realizzato un volume (foto) che può essere chiesto gratuitamente allo 011.46.17.628.

 

Corriere Artigiano, CNA, gennaio, febbraio 2008

Premio “Eccellente” per Iride, insegne ed altri artifici, a Restructura

DSCF0909Dal web magazine www,gustoegusti.it 28 Novembre 2006

Torino – Si è conclusa domenica 26 novembre a Torino “Restructura” la manifestazione vetrina nazionale delle professionalità nel campo della ristrutturazione e dell’edilizia di qualità. Nell’ambito dell’evento sono stati consegnati riconoscimenti e premi alle aziende partecipanti che si sono segnalate nelle varie sezioni. Per “l’Eccellenza Artigiana nell’Architettura” il terzo posto è stato assegnato a Iride Insegne, laboratorio di Artigianato Artistico di Laura Pànfani sito ad Aramengo in provincia di Asti. Laura Pànfani è stata premiata per la creazione di un’insegna su vetro, con iscrizioni in oro zecchino con effetto finta incavatura, predisposta per il rifacimento di una devanture dei primi del novecento, situata all’esterno di una antica farmacia di Chieri. Oltre alla presenza delle più qualificate aziende nazionali ed estere del settore, Restructura ha offerto visibilità a realtà artigiane d’eccellenza che certamente contribuiscono con le loro opere a rendere più preziosa la ristrutturazione di un edificio pubblico o privato, proponendo particolari di qualità che diventano anche risorsa per il recupero del patrimonio artistico e architettonico delle terre d’Italia. In questo contesto si inserisce la presenza di Iride Insegne, Laboratorio Artigiano di Laura Pànfani, che nelle sue opere ripropone sia forme della tradizione che rivisitate secondo il gusto le esigenze di oggi. La produzione, realizzata anche su commissione del cliente, rende possibile una personalizzazione nei dettagli dei propri locali o della propria abitazione.
Tra le lavorazioni indirizzate alla creazione di complementi d’arredo per interni ed esterni (tavolini, orologi da parete, banderuole segnavento, ecc.), la principale è dedicata alle insegne commerciali, costruite e dipinte secondo antiche tecniche, e richieste soprattutto nell’ambito del recupero dei centri storici, dei negozi e delle case d’epoca. Le tecniche sono quelle utilizzate da fine ‘800 alla metà del secolo scorso, apprese direttamente da un maestro di antica bottega “pittore letterista”. Lo studio dell’insegna avviene tramite un’attenta valutazione di diversi elementi quali la facciata, il contesto architettonico, il tipo di attività e le esigenze del cliente. Creatività ed un’accurata manifattura artigianale, danno vita ad un prodotto personalizzato per chiunque desideri un lavoro originale e di qualità. Queste tecniche permettono non solo di realizzare nuove insegne, che seguono i dettami e le tecniche delle “antiche insegne”, ma anche di restaurare e recuperare le originali insegne d’epoca e con esse il patrimonio storico e ambientale che rappresentano.
Ad Aramengo, Laura Pànfani artista artigiana che nei pennelli mette amore e passione, lotta e produce per mantenere in vita la tradizione di un mestiere, tramandato nei secoli dai Mastri d’Arte, che non può e non deve morire ma può diventare risorsa per nuova occupazione.
Iride Insegne, laboratorio artigiano: un esempio per i giovani, una cassaforte per custodire la tradizione.

BB (Bruno Borello)

Info :
IRIDE
LABORATORIO DI ARTIGIANATO ARTISTICO

TEL.347.3142387   www.irideinsegne.it   e-mail:  irideinsegne@gmail.com